I CANTINIERI

La patriottica Valentina Viola :’ Walking on Cantine Aperte: sulla strada del vino’

Cantine Aperte è uno degli eventi più conosciuti in tutta Italia, come molti appassionati di vino, io ed un gruppo di amici la mattina di domenica 29 maggio ci siamo incontrati: appuntamento alle 11 davanti al bar! Armati di papille gustative e fotocamere siamo partiti…Inizialmente c’eravamo riproposti quest’anno di seguire le orme del Rosso Conero e quindi di girare per le cantine di Camerano e il Monte Conero, ma poi da bravi Chiaravallesi non siamo riusciti a resistere al richiamo del buon Verdicchio!Spero di non risultare pesante con la mia euforia e il mio amore per il Verdicchio dei Castelli di Jesi, adoro assaggiare e degustare i bianchi di tutta la nostra Penisola, ma non posso fare a meno di esaltare uno dei prodotti più apprezzati della zona della mia terra. Venendo dal nostro paesetto la prima cantina in cui ci siamo fermati è stata Podere Santa Lucia, una delle novità di questa edizione! Una volta assaggiato prodotto che ha un favoloso gusto, un profumo indescrivibile, si aprono gli occhi e ci si accorge del perché: davanti a sé si ha un immagine bucolica, colori caldi della terra, delle viti, delle rose e delle colline limitrofe.  Il vino ha un aspetto brillante e un colore paglierino; il profumo è delicato e di una fragranza floreale ed il gusto è strutturato, corposo e sapido. Immersi e inebriati da questi paesaggi e da questi profumi per accompagnare il Verdicchio ci hanno offerto della gustosa e casereccia porchetta, del buon pecorino, e dei salumi. Proseguendo nel percorso ci siamo diretti verso le cantine Marotti Campi, Badiali e Cnadelaresi e Mancinelli a me nota, perché da piccola con mia madre era più che una festa quando andavamo a comperare il vino. Senza nulla togliere a queste cantine dove oltre ad un servizio, più che efficiente e delle leccornie, abbiamo assaggiato un ottimo Verdicchio, Vi vorrei descrivere un’altra novità di quest’edizione la Cantina Pievalta. Ci siamo spinti un po’ più nell’entroterra attirati dai commenti di chi aveva già bevuto quel Verdicchio e siamo stati più che felici di aver virato in quella direzione. Il podere si trova nel bel mezzo della zona dei Casteli di Jesi, con lo scopo di valorizzare il verdicchio, attraverso la viticoltura biologica e le tecniche di coltivazione biodinamica e sperimentando la vinificazione in anfora, secondo antichi metodi. Pievalta nasce su iniziativa del Barone Pizzini, una delle più antiche aziende vitivinicole della Franciacorta, che ha voluto uscire dai confini della propria terra d’origine per confrontarsi con alcuni dei più vocati territori viticoli italiani e coi loro vitigni autoctoni. Nel 2007 avviene l’ inaugurazione della nuova cantina costruita secondo i criteri di bioedilizia e l’anno successivo avviene la certifica le uve di viticoltura biodinamica. “Viticoltura biologica” significa che in campagna, per la difesa e per il nutrimento delle piante, si usano solo sostanze che si trovano in natura o che l’uomo può ottenere con processi semplici; niente elaborazione chimica o manipolazione genetica, niente OGM, fertilizzanti o pesticidi chimici di sintesi. Le uve bio godono dunque di un ciclo vitale che non dipende dalla chimica. Personalmente tra i loro vini assaggiati: Pievalta, Dominè, e San Paolo, il mio palato ha preferito l’ulitmo. Il San Paolo è un Verdicchio DOC Classico Riserva, maturato 28 mesi, con un profumo molto fruttato e al palato offre un gusto sapido, maturo e persistente. Mentre assaggiando le bollicine, Vi consiglierei il PerlUgo, spumante metodo classico da uve verdicchio, che vuole simbolicamente celebrare l’incontro tra il Verdicchio ed il suo grande territorio con il “savoir faire” franciacortino del metodo classico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...