APPUNTI DI DEGUSTAZIONE

DEGUSTAZIONE FIANO DI AVELLINO JOVIS 2009 – LA MOLARA

SCHEDA TECNICA

Zona di produzione                                                      Lapio (AV)
Tipologia del terreno                                                   Argilloso-calcareo
Esposizione                                                                      Sud – Ovest
Giacitura                                                                          400 metri s.l.m.
Uve                                                                                     Fiano 100%
Sistema di allevamento                                              Guyot
Resa massima per ettaro                                            90 quintali
Densità di impianto                                                      3500 ceppi per ettaro
Epoca di vendemmia                                                    Seconda decade di ottobre
Tecnica di vinificazione                                               Fermentazione a temperatura controllata tra 10° e 14°
Resa di trasformazione                                                Inferiore al 70%
Affinamento                                                                     5 mesi in acciaio, minimo 1 mese in bottiglia
Valori enochimici                                                           Alcol 12,5% Vol. Acidità totale 5,10-5,25

DEGUSTAZIONE  a cura di Valentina Taccone

Fiano di Avellino - La Molara
Fiano interessante quello dell’azienda di Luogosano. Non può non essere affascinato l’occhio innanzi ad un vivido giallo paglierino che, ondeggiante e avvolgente le pareti del bicchieri, non si risparmia in attraenti riverberi di brillantezza. Al naso, non c’è che dire. Più che complesso che intenso. Note di frutta a polpa gialla, con un ampio accento spiccato di ananas e pesca. Affondando l’olfatto, ritorna il sentore di erbaceo e vegetale, esattamente di erba recisa e rimandi di fieno: una descrizione che dipinge, attraversi sensazioni, un ritratto bucolico. In bocca, si mantiene fresco e poco caldo, nonostante i suoi 12.5 gradi. Prepotente il retrogusto amarognolo che ritorna forte nel palato, già presente nell’analisi olfattiva. In abbinamento con triili con melanzane e fiori di zucca, saggiati con immenso piacere presso il ristorante Oasis di Vallesaccarda (AV). Info dell’azienda http://www.lamolara.it/.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...