APPUNTI DI DEGUSTAZIONE/I CANTINIERI

DEGUSTAZIONE Irpinia Aglianico Igt 2007 – Cinque Querce – Salvatore Molettieri

SCHEDA TECNICA                        Irpinia Aglianico Igt 2007  – Cinque Querce  – Salvatore Molettieri

 

Nome del vino                                  Irpinia IGT Aglianico Cinque Querce

Tipologia                                              Rosso
Denominazione                                IGT
Vitigni                                                     Aglianico 100%

Zona di Produzione                       Montemarano
Cru                                                            Vigneto Cinque Querce
Terreno                                                 Argilloso-Calcareo
Densità di Impianto                      2.500 ceppi per ettaro
Età del Vigneto                                  11 anni
Posizione del Vigneto                   550-620 metri s.l.m.
Esposizione                                          sud-est
Produzione                                           45 q.li per ettaro
Vendemmia                                         Manuale in cassette

Periodo della Vendemmia          terza decade di ottobre/prima decade di novembre

Fermentazione                                   50% in botte di legno, 50% in acciaio

Maturazione                                         circa 12 mesi in barriques e botti grandi di rovere

Affinamento in bottiglia              minimo 6 mesi

 

 

DEGUSTAZIONE a cura di Valentina Taccone

Irpinia Aglianico Igt, e non chiamatelo solo aglianico. Come sempre la tempra e il carattere dell’azienda Molettieri (se di azienda si può parlare,poiché non siamo davanti ad un processo imprenditoriale o ad un architettato disegno di marketing, vista la passione e la dedizione che c’è in ogni bottiglia prodotta)  si riconosce già ad un superfluo colpo d’occhio. Un’etichetta che non da giusto merito a questo prodotto, forse troppo per chiamarlo Taurasi, troppo poco per ricordarlo come un aglianico igt.

Limpido, rosso rubino con incantevoli riverberi di brillantezza ad ogni colpo di luce, e un’accennata unghia granata che conferma un vino di corpo, non ‘attempato’. Che dire, un gioiello della viticoltura irpina che rende vanesio chi lo sta saggiando al momento.

Al naso, intenso e complesso, anche se l’ago della bilancia propende di più verso il primo giudizio. Ridondante dire che si percepiscono tra le famiglie dei profumi, frutti a bacca rossa, con rimandi alle primizie del sottobosco (ribes e fragoline, volendo dare una direzione specifica) e di susina matura, e tra il floreale ritorna la rosa rossa. Preponderante e indistinguibile il deciso sentore balsamico che non svanisce nemmeno dopo aver lasciato al degustatore  il tempo di far esprimere completamente al vino il suo bouquet.

Al palato le aspettative non deludono: caldo, sapido, persistente e incontestabilmente tannico. In bocca persiste  un piacevole sapore di frutta rossa, in primis la prugna già citata, con retrogusto amarognolo del gentil tannino montemaranese.

Abbinamento consigliato: costata agnello al forno con contorno di patate, fusillo avellinese al tegamino, cacciagione in generale, formaggi  e salumi semi – stagionati/stagionati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...