APPUNTI DI DEGUSTAZIONE/I CANTINIERI

DEGUSTAZIONE Yanir – Passito liquoroso di Pantelleria 2008 – Miceli



SCHEDA TECNICA                                        Yanir – Passito di Pantelleria 2008 – Miceli

Tipo:                                                                         Moscato passito liquoroso DOC
Vitigno /Uvaggio :                                           Moscato d’Alessandria (Zibibbo)
Zona di produzione :                                     Sicilia – Isola di Pantelleria
Sistema d’allevamento :                             Alberello Pantesco strisciante
Tipo di potatura :                                            Corta
Densita’ d’impianto :                                    2.500 Piante/ha
Terreno :                                                               Vulcanico
Esposizione dei vigneti :                             Terrazzati
Vendemmia :                                                      Media/Precoce

Affinamento :                                                     In barriques di rovere –  12 mesi
Gradazione :                                                        15,5% Vol.
Enologo :                                                               Antonio D’Aietti.

Vinificazione :  Raccolta in cassetta delle uve. Appassimento di parte di esse in stuoie di canna. Macerazione delle uve nel mosto, pigiatura e fermentazione lenta. Aggiunta di alcool di vino a fine fermentazione.

DEGUSTAZIONE a cura di Valentina Taccone

Yanir, il topazio della viticoltura  sicula. Un vino che incanta solo a vederlo mentre riveste le pareti del bicchiere con elegante e vellutata suadenza , come il guanto  si lascia indossare da una mano affusolata. All’occhio spicca un ambrato deciso o ramato, volendo osare senza incorrere nell’errore o per essere semplicemente giusti nel giudizio cromatico. Limpido e vivace, questo di certo!

Se si credeva che l’analisi olfattiva sarebbe stata il fiore all’occhiello di quest’etichetta, immediatamente la miscredenza va a cadere quando si passa al bouquet. Un ventaglio di profumi caldi e intensi. Sentori di miele, uvetta passa,  susina gialla, e  genericamente di frutta gialla matura. Un vino che si spinge più verso la complessità che l’intensità ma nessuna delle due a discapito dell’altra.

Al palato si riconferma. Caldo, senza strafare con la tanto nota sensazione pseudo calorica, abbastanza sapido e prepotentemente persistente. Analogia con l’olfatto, per quanto riguarda l’uvetta passa, e si afferra con quasi scontata gradevolezza anche il ‘natalizio’ fico bianco secco.

Abbinamento consigliato: Pasticceria secca, tagliere di formaggi stagionati a pasta dura, biscotti di frolla ripieni di marmellate a frutta gialla oppure occhio di bue.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...