DISCIPLINARI

ISCHIA DOC – DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

-ISCHIA DOC –

Disciplinare di Produzione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA
“ISCHIA”
Approvato con DPR 03.03.1966 G.U. 122 – 09.05.1966
Modificato con DM 31.07.1993 G.U. 188 – 12.08.1993
Modificato con DM 30.10.1995 G.U. 263 – 10.11.1995
Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Articolo 1
Denominazione e vini
La Denominazione di Origine Controllata “Ischia”, è riservata al vino che risponde alle condizioni e
ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione per le seguenti tipologie:
“Ischia” bianco, anche superiore e spumante
“Ischia” rosso
“Ischia” Forastera
“Ischia” Biancolella
“Ischia” Piedirosso o Per’ e Palummo anche passito
Articolo 2
Base ampelografica
I vini a DOC “Ischia” devono essere ottenuti dalle uve provenienti da vigneti che, nell’ambito
aziendale, abbiano le seguenti composizioni ampelografiche:
“Ischia” bianco anche superiore e spumante
Forastera dal 45 al 70%
Biancolella dal 30 al 55%
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni a bacca bianca, non
aromatici, idonei alla coltivazione per la provincia di Napoli, da soli o congiuntamente, fino ad un
massimo del 15%.
“Ischia” rosso
Guarnaccia dal 40 al 50%
Piedirosso (Per’ e Palummo) dal 40 al 50%
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni a bacca rossa, non aromatici,
da soli o congiuntamente, idonei alla coltivazione per la provincia di Napoli, fino ad un massimo
del 15%.
“Ischia” Forastera
Forastera minimo 85%
Possono concorrere alla produzione di detti vini le uve di altri vitigni a bacca bianca, non aromatici,
da soli o congiuntamente, idonei alla coltivazione per la provincia di Napoli fino ad un massimo del
15%.
“Ischia” Biancolella
Biancolella minimo 85%
Possono concorrere alla produzione di detti vini le uve di altri vitigni a bacca bianca, non aromatici,
da soli o congiuntamente, idonei alla coltivazione per la provincia di Napoli fino ad un massimo del 2
15%.
“Ischia” Piedirosso o Per’ e Palummo anche passito
Piedirosso (localmente detto Per’e Palummo minimo 85%
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni a bacca rossa, non aromatici,
idonei alla coltivazione per la provincia di Napoli fino ad un massimo del 15%.
Articolo 3
Zona di produzione
Le uve destinate alla produzione dei vini a DOC “Ischia” devono essere prodotte nel territorio della:
Isola di Ischia in Provincia di Napoli.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a DOC “Ischia”
devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve e ai vini derivati
le loro specifiche caratteristiche di qualità.
Sono, pertanto, da considerarsi idonei unicamente i vigneti ubicati in terreni di favorevole
esposizione, derivati da rocce di origine vulcanica, sciolti, ben provvisti di scheletro, con notevole
contenuto di pomice, poveri di carbonato di calcio, non molto dotati o scarsi di sostanza organica,
abbastanza ricchi di anidride fosforica e potassio.
Sono esclusi i terreni di fondovalle umidi e quelli non sufficientemente soleggiati.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati nell’isola.
E’ vietata ogni pratica di forzatura.
La resa massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata per la produzione dei vini a
DOP“Ischia” non deve essere superiore a:
“Ischia” bianco e bianco superiore 10,00 tonn/ettaro
“Ischia” Forastera 10,00 tonn/ettaro
“Ischia” Biancolella 10,00 tonn/ettaro
“Ischia” rosso 9,00 tonn/ettaro
“Ischia” Piedirosso o Per’ e Palummo 9,00 tonn/ettaro
Fermi restando i limiti massimi sopra indicati, la resa per ettaro di vigneto in coltura promiscua
dovrà essere calcolata in rapporto al numero di viti esistenti ed alla loro produzione unitaria per
ceppo, che non dovrà essere superiore a:
3,000 kg/ceppo.
A tali limiti, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la produzione dovrà essere riportata,
attraverso un’accurata cernita delle uve, purché la produzione globale non superi del 20% i limiti
massimi sopra indicati.
La Regione Campania, con proprio provvedimento, su proposta del Consorzio di Tutela, sentite le
Organizzazioni di Categoria interessate, di anno in anno, può stabilire di ridurre i quantitativi di uva
per ettaro rivendicabile rispetto a quelli sopra fissati, dandone immediata comunicazione
all’organismo di Controllo. 3
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare ai vini a D.O.C. “Ischia” un titolo
alcolometrico volumico naturale minimo di:
“Ischia” bianco 10,00% vol.
“Ischia” Biancolella 10,00% vol.
“Ischia” Forastera 10,00% vol.
“Ischia bianco superiore” 11,00% vol.
“Ischia” rosso 10,50% vol.
“Ischia” Piedirosso o Per e Palummo 10,50% vol.
Ai fini della vinificazione delle tipologie “superiore” e “passito” le relative uve devono essere
oggetto di specifica denuncia annuale e sui registri di cantina deve essere espressamente indicata la
destinazione delle ve medesime.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione e di affinamento in bottiglia, nonché di spumantizzazione devono
essere effettuate nell’ambito territoriale dell’isola di Ischia.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche locali, leali e costanti, atte a
conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche.
La resa massima dell’uva in vino finito per la produzione dei vini a d.o.c. “Ischia” non deve essere
superiore al 70%.
Per la tipologia “Ischia Piedirosso o Per „e Palummo passito” tale resa non deve essere superiore al
40%.
Ai fini della vinificazione della suddetta tipologia “passito” le uve devono essere sottoposte, in tutto
o in parte, sulla pianta o dopo la raccolta, al tradizionale conveniente appassimento fino a
raggiungere un titolo alcolometrico volumico naturale di 14,50% vol.
In tal caso è escluso qualsiasi aumento della gradazione alcolica complessiva mediante
concentrazione del mosto o del vino o l’impiego di mosti o di vini che siano stati oggetto di
concentrazione.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1. I vini a D.O.C. “Ischia” all’atto dell’immissione al consumo devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
“Ischia” bianco
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: vinoso, delicato, gradevole;
sapore: secco, di giusto corpo, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l; 4
“Ischia” bianco superiore
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: vinoso, delicato, gradevole;
sapore: secco, di corpo, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l;
“Ischia” Biancolella
colore: giallo paglierino con riflessi verdognoli;
odore: vinoso, gradevole, caratteristico;
sapore: secco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l;
“Ischia” Forastera
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: vinoso, delicato, caratteristico;
sapore: secco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l;
“Ischia” bianco spumante
spuma: fine e persistente;
colore: giallo paglierino più op meno carico;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: secco, fresco, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 6,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l;
“Ischia” rosso
colore: rosso rubino più o meno intenso;
odore: vinoso;
sapore: asciutto, di medio corpo, giustamente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l;
“Ischia” Piedirosso o Per’ e Palummo
colore: rosso rubino;
odore: vinoso, caratteristico, gradevole;
sapore: asciutto, di medio corpo, giustamente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l;
“Ischia” Piedirosso o Per’ e Palummo passito
colore: rosso rubino tendente al mattone;
odore: delicato, caratteristico; 5
sapore: amabile, di corpo, caratteristico, intenso;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 14,50% vol;
titolo alcolometrico volumico svolto minimo: 13,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l;
I vini a DOC “Ischia” bianco e “Ischia” bianco superiore prima dell’immissione al consumo devono
subire un affinamento in bottiglia di almeno 30 giorni.
Il vino a DOC “Ischia rosso” prima dell’immissione al consumo deve subire un affinamento in
bottiglia di almeno 90 giorni.
E’ facoltà del Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali modificare, con proprio
decreto, i limiti sopra indicati, per l’acidità totale e l’estratto non riduttore.
Articolo 7
Designazione e presentazione
Nella designazione dei vini a D.O.C. “Ischia” il nome del vitigno deve figurare in etichetta in
caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la denominazione di origine.
In sede di designazione le specificazioni di tipologia “superiore” e “passito” devono figurare in
etichetta al di sotto della dicitura “denominazione di origine controllata” e pertanto non possono
essere intercalati tra quest’ultima e la D.O.C. “Ischia”.
In ogni caso tali specificazioni devono figurare in caratteri di dimensioni non superiori a quelli
utilizzati per la D.O.C. “Ischia”, della stessa evidenza e riportati sulla medesima base colorimetrica.
E’ vietato usare assieme alla D.O.C. “Ischia” qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa da quelle
previste dal presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi: extra, fine, scelto,
riserva, selezionato e similari.
E’ tuttavia consentito l’uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l’acquirente.
Le indicazioni tendenti a specificare l’attività agricole dell’imbottigliatore quali: viticoltore, tenuta,
podere, fattoria, cascina ed altri termini similari, sono consentite in osservanza delle disposizioni
comunitarie e nazionali in materia.
È consentito l’uso della menzione “vigna” secondo le disposizioni di legge in materia a condizione
che i relativi toponimi o nomi tradizionali figurino nell’apposito elenco regionale ai sensi dell’art. 6
comma 8, del decreto legislativo n. 61/2010.
Sulle bottiglie per l’immissione al consumo e sugli altri recipienti per la commercializzazione
intermedia contenenti i vini a DOC “Ischia”, nonché sui relativi documenti di accompagnamento,
deve figurare l’indicazione dell’annata di produzione delle uve veritiera e documentabile.
Articolo 8
Legame con l’ambiente geografico
A) Specificità della zona geografica
Fattori storici
L’isola d’Ischia era abitata fin dal Neolitico, come dimostrano i vari reperti ritrovati ad esempio
sulle alture di Punta Imperatore, nella frazione di Panza, nella zona S-O dell’isola. 6
La viticoltura ad Ischia ha origini millenarie. Il ritrovamento fortuito di muri a secco, avvenuto nel
1989 a seguito di uno smottamento, in località Punta Chiarito, nella frazione di Panza, ha dato
l’avvio tra il 1993 ed il 1995 ai lavori di scavo che hanno permesso il ritrovamento di una fattoria
greca tenuta da agricoltori benestanti, come dimostra la buona fattura dei vasi che sono stati
rinvenuti ed ha permesso di anticipare lo sbarco dei primi coloni greci di circa venti anni rispetto
all’originaria ipotesi, Grazie agli scavi del 1993, si è capito oggi che in realtà, i primi coloni si
stabilirono a S-O dell’isola, sulle alture di Punta Chiarito,a Panza, frazione del comune di Forio
Dopo 20 anni dall’originario sbarco, colonizzata buona parte dell’isola, viene fondata la colonia di
Pithecusa, il cui centro principale sarà, però, sulle alture di Monte Vico, nella zona nord dell’isola,
prospiciente il continente, in modo da avere un più rapido scambio con la terraferma.
[2]
Con il suo
porto la colonia fece fortuna grazie al commercio del ferro con il resto dell’Italia; nel periodo di
massimo splendore contava circa 10.000 abitanti.
Nel 1953, nella necropoli di San Montano a Lacco Ameno, l’archeologo tedesco Giorgio Buchner
ritrovò la Coppa di Nestore risalente al 725 a.C. circa. Costituisce il più antico esempio pervenutoci
di poesia scritta in lingua greca.
Sulla coppa di Nestore, è incisa una frase che inneggia al buon vino locale e testimonia che gli
Antichi Eubei, che avevano colonizzato l’isola, avevano introdotto la coltivazione della vite e quindi
la produzione del “nettare degli Dei”. La tecnica di coltivazione della vite sull’isola richiama alla
tradizione greca e differisce da quella etrusca usata nel centro Italia e nelle zone interne della
Campania. La viticoltura è stata alla base dell’economia isolana per lunghi periodi storici,
condizionandone la vita e i costumi degli stessi abitanti. Le colture sull’isola si estendono dalle
coste fin sugli irti pendii montani dove cellai e terrazzamenti, costruiti con rinforzi di muri a secco
di pietra di tufo verde, consentono la coltivazione.
Dal IV secolo a.C., dopo le guerre sannitiche, l’isola passò con Napoli sotto il dominio romano,
Con la decadenza dell’impero, Ischia rimase esposta ai saccheggi barbarici. Tra il IX e il X secolo
l’isola è esposta alle scorrerie del saraceni che non erano interessati a conquiste permanenti: le loro
scorrerie erano infatti finalizzate al saccheggio e non all’occupazione.
Seguirono poi le dominazioni avvenute anche nella vicina Napoli: normanni, angoini, svevi,
aragonesi…… sino all’unità d’Italia nel 1860.
Dal 1500 il vino bianco sfuso veniva esportato via mare verso la terraferma ai principali mercati
italiani e stranieri fino in Dalmazia, veniva posto in “carrati” trasportati dalle vinacciere (barche a
vela).
Dal 1955 a oggi il cambiamento dell’economia isolana è stato radicale. Lo sviluppo rapido del
turismo, che è diventato la principale risorsa economica dell’isola, ha indebolito ma non cancellato
il passato culturale di una tradizione che va protetta e salvata.
Fattori naturali
Dalla forma approssimativa di un trapezio, l’isola dista all’incirca 18 miglia marine da Napoli, è
larga 10 km da est a ovest e 7 da nord a sud, ha una linea costiera di 34 km e una superficie di circa
46,3 km². Il rilievo più elevato è rappresentato dal monte Epomeo, alto 788 metri e situato nel
centro dell’isola. Quest’ultimo è un vulcano sottomarino sprofondato negli ultimi 130.000 anni.
Infatti, l’intera isola, altri non è che il picco del Monte Epomeo, ultimo punto del vulcano ancora in
superficie, caratterizzato dai tufi verdi.
L’attività vulcanica ad Ischia è stata generalmente caratterizzata da eruzioni non molto consistenti e
a grande distanza di tempo. Dopo le eruzioni in epoca greca e romana, l’ultima è avvenuta nel 1301
nel settore orientale dell’isola con una breve colata (Arso) giunta fino al mare.
Dal punto di vista geologico, l’isola di Ischia ha carattere vulcanico, formatasi in seguito ad eruzioni
diverse succedutesi nel giro di circa 150.000 anni.
La particolare formazione a cono dell’isola d’Ischia con il Monte Epomeo al centro e la posizione
geografica dell’isola nel Mar Tirreno centrale favoriscono un clima mite anche nei periodi invernali
con frequenti cambi climatici, a volte anche nella stessa giornata. I venti predominanti variano in 7
base alla stagione: in inverno sono il libeccio, il ponente-libeccio e lo scirocco. I venti predominanti
in estate e primavera sono la tramontana ed il grecale.
Come i venti anche l’umidità varia in base alla stagione: in inverno, in presenza di libeccio e
scirocco e quindi con piogge frequenti l’umidità media è del 63%, tuttavia nelle giornate con venti
dei quadranti settentrionali l’umidità si riduce sensibilmente come anche in primavera.
Tali condizioni climatiche sono favorevoli ad una viticoltura di alta qualità.
Fattori umani
Lo sviluppo del turismo che ha cambiato l’economia dell’isola nell’ultimo secolo non ha del tutto
indebolito la realtà agricola ed in particolare la viticoltura, grazie anche al riconoscimento della
DOC , seconda tra tutte le DOC italiane, nel lontano 1966.
Relativamente alle forme di allevamento l’obiettivo della qualità, ha indotto i produttori a realizzare
impianti a più alta densità rispetto al passato.
– base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione del vino in questione sono
quelli tradizionalmente coltivati nell’area di produzione e citati nell’art.2.
– le forme di allevamento, i sesti d’impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi
impianti, sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione
sulla superficie delle viti, sia per agevolare l’esecuzione delle operazioni colturali, sia per
consentire la razionale gestione della chioma.
– le pratiche relative all’elaborazione dei vini sono quelle tradizionalmente
consolidate in zona per la vinificazione.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all’ambiente geografico
I vini di cui il presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all’articolo 6, che ne da una chiara
individuazione e tipizzazione legata all’ambiente pedo-climatico.
In particolare tutti i vini, sia i rossi che il bianco, presentano caratteristiche chimico-fisiche
equilibrate in tutte le tipologie, mentre al sapore e all’odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei
vitigni.
C) Descrizione dell’interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
L’orografia del territorio di produzione e l’esposizione prevalente dei vigneti, localizzati in zone
particolarmente vocate alla coltivazione della vite, concorrono a determinare un ambiente
adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole all’espletamente di tutte le funzioni vegetoproduttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad
una viticoltura di qualità.
Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Is.Me.Cert. Istituto Mediterraneo di Certificazione Agroalimentare – Corso Meridionale 6 80143
Napoli . Organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 1, let. B) e C) del DM 19 marzo 2010.
L’IsMeCert è l’Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle Politiche agricole alimentari
e forestali, ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1) che effettua la
verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente all’articolo
25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all’articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i prodotti
beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli sistematica nell’arco dell’intera 8
filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25,
par. 1, 2° capoverso, lettera c).
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 2 novembre 2010, pubblicato in
GU n. 271 del 19-11-2010 (Allegato 2).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...